venerdì 15 aprile 2016

Recensione "Il mostro della laguna" di Davide Guglielmi

In previsione di un pomeriggio rilassante con un bel corso di matematica e lo studio di almeno 30 pagine, vi lascio con la recensione de Il mostro della laguna di Davide Guglielmi edito dalla Libro Aperto International Publishing (al prezzo di 11.00 euro per la versione cartacea). 



28695162

Robert e Allyson sono due ragazzi di Boston in vacanza a Venezia con i loro amici, Eric e Olivia. 
Incuriositi dal cartello di un banco turistico, decidono di fare un tour dell’isola di Poveglia in compagnia di Maurizio, una guida locale. 
Sulla barca che li porterà a destinazione incontrano Alberto e Francesca, due studenti italiani interessati al tour e tutti insieme partono alla volta dell’isola, senza sapere che su quel luogo aleggiano raccapriccianti leggende, che si tramuteranno presto in un’agghiacciante realtà che cambierà per sempre le loro vite.


"L'umanità era da sempre ossessionata dal cercare di capire il senso della vita, ma la verità era così banalmente chiara: la vita non aveva un senso. Era soltanto un'impulso che veniva tramandato da essere vivente a essere vivente, senza secondi fini..."

Cosa vi fa capire se un romanzo che vuole essere thriller/ horror è fatto bene? 
Se vi fa accapponare la pelle e smettere di camminare al buio la notte,beh,allora è fatto bene. 
Ma il punto con questo romanzo non è questo. Infatti,nonostante io non abbia dormito per la paura (dico sul serio...), ci sono state alcune cose che non mi sono piaciute,ma ve le andrò a dire dopo. 

La storia è quella di Allyson,Robert,Eric e Olivia,che si trovano a Venezia (non si sa per cosa) e ad un certo punto incontrano un tale,un certo Maurizio, che gli offre un giro su una delle attrazioni più belle e spaventose di Venezia. 
La visita consiste nel giro in barca sino all'isola di Poveglia,isola vicino Venezia che nasconde al suo interno macabri segreti e che sarà lo scenario del loro incubo ad occhi aperti. 

Non posso dirvi altro,anche perchè essendo un romanzo di sole 140 pagine, non mi posso dilungare troppo,altrimenti farei spoiler,ed io non voglio farlo. 
Partendo dalle cose che mi sono piaciute, lo stile di scrittura dell'autore non è niente male. Le descrizioni sono fantastiche e mi è sembrato di trovarmi insieme ai protagonisti in quel posto,il che non ha aiutato il mio sonno. .

Grazie alla Libro Aperto per la copia del romanzo
e per la fiducia! <3
La cosa che più non mi è piaciuta del romanzo è stata che forse l'autore si è concentrato troppo sulla parte della storia che riguardava il giro ed il mistero dell'isola,donandoci però una storia che non ha nè capo nè coda. Mi spiego meglio. 
Il romanzo inizia con 4 ragazzi che girano per Venezia. Ci vengono detti i loro nomi ed il tutto finisce lì. Abbiamo qualche accenno al loro aspetto fisico e qualcosa a proposito delle loro emozioni, ma nient'altro. Non sappiamo perchè siano a Venezia. Non sappiamo i loro rapporti. Abbiamo solo un Flashback, che non ci fa capire poi così tanto. 
Durante tutta la storia non sono riuscita a provare empatia per i personaggi,non sono riuscita ad immedesimarmici o a stabilire un rapporto con loro. Niente. Dall'inizio del romanzo il mio unico pensiero è stato "Questo romanzo non ha nè capo nè cosa. Ci hanno messo quattro personaggi che,per carità, funzionano bene tra loro e niente di più."
Al contrario, mi sarebbe piaciuto avere un quadro generale dei loro rapporti, una descrizione della loro vita,così da poter creare quel legame che si crea tra personaggi e lettori. 



Il romanzo in sè mi è piaciuto, ma solo per la storia macabra e per le descrizioni dettagliate,nonchè per la macabra fantasia dell'autore,che ci presenta scenari a dir poco raccapriccianti,che mi hanno fatto accapponare la pelle. 
In conclusione,se state cercando una storia non troppo pretenziosa con toni oscuri e spaventosi,questo fa per voi. Diversamente,girate al largo,anche perchè rimarreste un pò delusi come me. 

Con questo concludo la mia recensione. Fatemi sapere nei commenti ,cosa ne pensate,se lo avete letto o se avete intenzione di leggerlo!
Al prossimo post,
Nali <3

2 commenti:

  1. Ciao Annalisa,

    sono Davide, l'autore del libro. Volevo ringraziarti per aver dedicato un po' del tuo tempo a leggere il mio romanzo. Questo è il mio primo libro e avevo talmente tanta voglia di vederlo pubblicato che ho creato un prodotto ancora acerbo e me ne rendo conto. Questo è il mio primo libro, ma non sarà l'ultimo e sono davvero contento che tu abbia apprezzato il mio stile e le mie descrizioni, perchè quelle sono cose che rimarranno e che cercherò di migliorare sempre di più.

    Buona giornata

    Davide

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Davide,
      sono felice ti sia dedicato alla lettura della mia recensione!
      Spero vivamente che tu continui a scrivere,anche perchè mi piace tantissimo il tuo stile!
      Buona giornata anche a te!
      Annalisa

      Elimina

I vostri commenti sono il motore del Blog,grazie ad essi noi cresciamo. Lascia un commento e mi renderai felice!