giovedì 14 luglio 2016

Recensione "Bitten" di Kelley Armstrong

Buongiorno e benvenuti sul blog! Oggi vi parlo di Bitten di Kelley Armstrong edito dalla Lain YA (al prezzo di 12.00 euro per la versione cartacea e di 5.99 euro per la versione digitale). 

30423021

Toronto, oggi. Elena Michaels è una giornalista di successo, ha un ragazzo che la vorrebbe sposare e ama correre di notte, veloce come il vento. Non sono certo le strade buie o i tipi loschi a farle paura, perché dalla sua ha qualcosa di straordinario. È l’unica donna licantropo al mondo. Ha abbandonato il suo clan d’appartenenza e i comfort della villa, suo quartier generale, per una vita ordinaria, lasciandosi alle spalle non solo il Branco ma anche Clay, colui che l’ha tradita trasformandola in un licantropo. Saranno l’amore per l’unico uomo che davvero le abbia toccato il cuore e il forte sentimento di appartenenza ai licantropi a ricondurla indietro, quando il Branco avrà bisogno di lei. È giunto per Elena il momento di scegliere tra l’amore per Clay e quello per il ragazzo della porta accanto, tra la sua nuova vita, tessuta su una tela labile e costellata di bugie, e la sua natura che, come la luna chiama le maree, la sta attirando a sé. Potenti, passionali e seducenti: sono le Donne dell’altromondo, acclamata saga bestseller elogiata da autrici di culto come Charlaine Harris e Melissa Marr e capostipite di un genere unico che fonde i tratti magici dell’urban fantasy e quelli più sensuali del paranormal romance. Bitten è il primo appassionante capitolo.

"...dormire con lui non poteva essere considerato semplice sesso. Era come cedere a qualcosa di profondamente radicato dentro di me: tutta la rabbia,l'odio e il dolore del mondo non erano in grado di trattenermi dal tornare da lui." 

Ultimamente sono così stanca che non riesco neanche a pensare a qualcosa di razionale da scrivere nelle recensioni... Ma oggi per voi cercherò di esprimere al meglio quello che voglio dirvi a proposito di questo romanzo che mi ha provocato sensazioni contrastanti. 

In questo primo romanzo della serie Donne dell'altro mondo, seguiamo le vicende di Elena, una venticinquenne che vive a Toronto e che fa lunghe passeggiate notturne nei boschi apparentemente senza un motivo,che vive con Philip,il suo ragazzo e che sogna una vita normale. Ma Elena è un licantropo, l'unica donna licantropo esistente al mondo. 

Elena è scappata dal Branco,da Stoneheaven e da tutta la sua vita da licantropo per vivere una vita normale,reprimendo i suoi impulsi e le sue trasformazioni,ma quando Jeremy la chiama allarmato,Elena non può fare altro se non tornare a Stoneheaven dove il suo passato la sta aspettando con le sembianze di un biondo riccioluto,testardo ed irascibile licantropo di nome Clay. 

Mettiamo subito in chiaro le cose,io amo Clay e ho sofferto internamente tutte le volte che Elena lo ha respinto...Ma non sapete la gioia quando i due erano insieme,mi esplodeva il cuore per la felicità. 
Comunque,non è questo quello che volevo dirvi a proposito del romanzo...


Grazie mille alla CE per la copia cartacea del romanzo! <3
Il romanzo mi è piaciuto,partiamo da questo, ma non del tutto, in quanto mi è sembrato che l'autrice (che è giustificata in quanto questo è stato il suo primo romanzo) sembrava dilungarsi troppo nella narrazione di alcune parti,mentre in altre era troppo frettolosa e cercava di arrivare subito al punto. Questo ha portato un certo squilibrio nel romanzo per cui ci troviamo a metà del romanzo con ancora tutto da scoprire e l'azione si concentra principalmente nelle ultime pagine e nelle prime 150 (più o meno),tutto ciò che è in mezzo è un vaneggiare continuo raccontando questa o quella cosa mentre Elena perde tempo,Jeremy cerca di indagare,ma in realtà perde tempo e nel frattempo Elena e Clay combinano qualcosa qui e lì. 
Certo,non posso bocciare un romanzo solo per questo,anche perchè mi sono piaciuti moltissimo i colpi di scena e le spiegazioni su alcune cose e persone che facevano parte della narrazione e che man mano diventavano sempre più importanti. 
Mi è dispiaciuto molto non poter conoscere meglio alcuni personaggi,come Logan o Peter (poi vedrete perchè se leggerete il romanzo) e non mi è piaciuto il modo in cui Elena prima scappasse da Clay e non volesse parlargli ed il momento dopo gli corresse tra le braccia come un cucciolo smarrito,tutto mentre dichiarava amore a Philip. 
La cosa che più mi è piaciuta e mi ha colpito sono state le spiegazioni di Elena a proposito della sua razza,cioè quella dei licantropi,la spiegazione delle loro caratteristiche,la descrizione della trasformazione e delle sensazioni che essa portava con sè, il racconto su come si sia arrivati ad eleggere Jeremy con Alfa e il senso del Branco,oltre che le spiegazioni sui vari lupi che non facevano parte del Branco. 

Spero vivamente che le poche cose che non mi sono piaciute siano state migliorate dall'autrice nel secondo romanzo e non vedo l'ora di sapere che piega prenderanno le vicende di Elena e del mio amato Clay. 

La Armstrong ha creato un romanzo intriso di vendetta e amore che attira il lettore e lo spinge a voler sapere sempre di più sulla ragazza che corre sola per la città sotto forma di lupo con gli occhi da umana,lo spinge a non abbandonare il romanzo neanche per un secondo, lo spinge a leggere senza tregua,mentre le pagine scorrono sotto gli occhi, per arrivare al termine della storia e scoprire quale Epilogo toccherà ai protagonisti ai quali si è affezionato. 
Un romanzo che dovreste leggere se siete appassionati di fantasy e soprattutto di licantropi,ve lo consiglio!

Questo è tutto con la recensione di oggi! Cosa ne pensate? Lo avete letto? Fatemelo sapere nei commenti!
Al prossimo post,
Nali <3

1 commento:

  1. Sono d'accordo praticamente se tutto.
    Se ti va di leggere la mia recensione, la trovi qui. :)

    RispondiElimina

I vostri commenti sono il motore del Blog,grazie ad essi noi cresciamo. Lascia un commento e mi renderai felice!