mercoledì 20 luglio 2016

Recensione "Consolation" di Corinne Michaels

Buon mercoledì a tutti e benvenuti sul mio blog! Ieri ho terminato un romanzo che mi ha distrutta,quindi oggi sono qui per parlarvene perchè il mio istinto da masochista me lo imponeva.
Comunque, il romanzo in questione è Consolation di Corinne Michaels edito da Leggereditore (al prezzo di 4.99 euro per la versione digitale e di 14.90 euro per la versione cartacea).

30971295

La piccola Aarabelle non era ancora nata quando sua madre Natalie ricevette la tragica notizia della morte di Aaron, suo marito, marine caduto in battaglia. Il destino, che le stava per concedere il dono più bello, le ha strappato la felicità facendola piombare nella disperazione più profonda. L’unico in grado di darle conforto è Liam Dempsey, il migliore amico di suo marito, che le sarà vicino per onorare la promessa che aveva fatto ad Aaron prima che lui partisse per la sua ultima missione. Ma né Liam né Natalie potevano immaginare che da quella vicinanza potesse nascere un rapporto che andasse oltre la semplice amicizia, per diventare qualcosa di sconvolgente a cui neanche loro riescono a dare un nome. E mentre Liam si consuma nel rimorso di poter in qualche modo tradire la fiducia che Aaron ha riposto in lui, Natalie non sa comprendere se quello che prova nasca da qualcosa di profondo o sia solo desiderio di essere consolata da un dolore a cui non riesce a fuggire. È questo il prezzo che deve pagare per essere di nuovo felice?

Una storia toccante che accomuna il destino di moltissime donne, e che commuove per la naturalezza con cui ci racconta l’amore come unico antidoto al dolore.


"Oggi è l’ultimo giorno in cui mi concederò di provare dolore, l’ultimo giorno in cui verserò lacrime,
perché le lacrime non cambiano le cose. Ho bisogno di raccogliere tutte le forze rimaste e aggrapparmi a
quelle. Sono madre di una bambina a cui devo fare da madre e da padre.
Un giorno, dicono. Un giorno smetterà di fare così male.
Tutte bugie.
Non andrà mai meglio e non smetterà di fare così male.
Io non sarò mai più la stessa. La donna che ero prima è morta nell’istante in cui hanno bussato alla mia
porta. La donna affettuosa, estroversa e piena di speranza non c’è più. La speranza è una maledetta
vigliacca a cui non frega proprio un cazzo di quello che vuoi. Quindi punto tutto sulla fiducia. La

fiducia che ce la farò ad affrontare tutto e a ritrovare il mio cuore."

Mi ci è voluto un giorno per terminare questa lettura,ma posso assicurarvi che non è stato per niente facile... 
Corinne Michaels ha preso il mio cuore,l'ha distrutto,l'ha aggiustato e poi l'ha distrutto ancora, che in pratica è anche quello che succede alla protagonista del romanzo,Natalie o Lee.
Natalie ha tutto ciò che si può desiderare dalla vita,ha un marito,è incinta,ha una bellissima casa in riva al mare e la sua esistenza è molto molto felice,se non fosse per il fatto che suo marito è un Marine. 
Chi non lo vive in prima persona non può sapere quale sia la vita di una moglie di un marine,ma Corinne Michaels ce lo chiarisce alla perfezione nel suo romanzo. La loro non è una vita facile,passano settimane e mesi ad attendere i loro fidanzati o mariti nella speranza che tornino,questa è l'unica cosa che le spinge ad alzarsi al mattino ed a condurre la loro vita alla normalità,la speranza. 
Ma la speranza di Natalie viene spazzata via una mattina,poco prima del parto,quando la terribile notizia della scomparsa di suo marito la colpisce come un fulmine a ciel sereno. 
La vita perfetta di Natalie si trasforma in un inferno e tutto ciò che la spinge ad andare avanti è la sua amata figlia. 
Ma sarà quando Liam si presenterà alla sua porta offrendosi di aiutarla a sbrigare le faccende che aveva rimandato per mese,che la vita di Natalie inizierà a risollevarsi e Lee vedrà la luce in fondo al tunnel,ma la vita non va sempre come noi tutti vogliamo e ben presto Lee verrà scossa da un'altro avvenimento...

Forse voi non lo sapete,ma io sono una di quelle che appena leggono qualcosa di drammatico che spezza il cuore si sciolgono in mille lacrime e sono spacciate! Ebbene, non appena ho iniziato a leggerlo sono scoppiata in lacrime,per non contare le numerose e successive volte in cui ho rischiato di piangere come una deficiente... 


Grazie alla Leggereditore per la copia digitale del romanzo <3

Il romanzo non è solo scritto molto bene, il che lo rende scorrevole e spinge a continuare a leggere sino alla fine, ma ha anche una bellissima storia che si evolve in maniera poco convenzionale e che vi lascerà a bocca aperta per il suo finale,che è assolutamente heartbreacking (...non riesco a tradurlo in italiano,aiutatemi...). La storia è piena di colpi di scena che ribaltano completamente la situazione,le varie scoperte che Natalie farà saranno molto importanti non solo per il finale del romanzo,che rimane aperto e ci lascia in attesa,ma soprattutto per il secondo volume della duologia, che non so come sarà,ma so che mi spezzerà il cuore in tanti piccoli pezzettini,

Un romanzo profondo,che ci spiega le problematiche che ogni giorni donne comuni devono affrontare, che ci porta in un mondo di sofferenza che non possiamo capire,ma che in qualche modo ci è molto vicino, un romanzo che parla d'amore,di vita,di morte ,ma soprattutto di dolore!Insomma,un romanzo completo e molto emozionante,che vi farà innamorare,piangere,ridere a crepapelle e vi spezzerà il cuore.
Leggetelo,anche se siete persone emotive e sarete in lacrime,come me, ad ogni singola riga,anche se siete persone a cui non piacciono le storie drammatiche,perchè questa storia va letta,perchè insegna tanto e ci fa capire che i momenti difficili,i momenti dolorosi si superano e si può ricominciare,ci insegna che non è mai troppo tardi per sognare e offrire il proprio cuore a qualcun'altro,ci insegna che la vita è ingiusta e che a volta ci riserva cose che non vorremmo e che non siamo in grado di affrontare,ma dobbiamo farlo.

Questo è tutto con la recensione di oggi, io ve lo consiglio vivamente e spero voi lo leggiate! Cosa ne pensate? Lo avete letto? Fatemelo sapere nei commenti!
Al prossimo post,
Nali <3

3 commenti:

  1. Non avevo mai sentito parlare di questo romanzo, ma devo ammettere che si direbbe una lettura molto intensa e coinvolgente!
    Anche se non è proprio il mio genere, prometto che ci farò un pensierino: anche se sicuramente avrò bisogno anch'io dei fazzoletti, sono una lettrice (e una persona) vergognosamente emotiva! ^____^

    RispondiElimina
  2. Lo leggerò senza alcun dubbio!!! Bella recensione :)

    RispondiElimina
  3. Ok!L'ho appena preso e come sempre c'ho il radar puntato sulle lacrime... ho capito! Vado a comprare i fazzoletti >.<

    RispondiElimina

I vostri commenti sono il motore del Blog,grazie ad essi noi cresciamo. Lascia un commento e mi renderai felice!