lunedì 13 marzo 2017

Recensione "Tutta colpa della mia Impazienza" di Virginia Bramati

Buongiorno e buon lunedì lettori! Oggi voglio parlarvi di Tutta colpa della mia impazienza (e di un fiore appena sbocciato) di Virginia Bramati, uscito qualche giorno fa per Giunti, e del quale ho ospitato una tappa del BT, che trovate qui, (al prezzo di 14.90 euro per la versione cartacea e di 5.99 euro per la versione digitale - puoi acquistarlo QUI)

34387827

«Sono nata con due mesi di anticipo, odio i tempi morti, sono fisicamente allergica ai giochi di pazienza e adoro il tasto fast forward»: Agnese è così, una ragazza esuberante, autonoma, in­sofferente verso il principio dell'«ogni cosa a suo tempo»… 
Ma improvvisamente, ecco che la vita prende una piega terribilmente dolorosa e la scaraventa dal centro di una metropoli che non dorme mai a una grande casa lungo un fiume, lontana quanto basta per essere immersa nei ritmi lenti e immutabili della campagna. Non solo: quando l'inverno finalmente è alle spalle e tutto sta per sbocciare, si ritrova sola, con un esame importante da preparare e solo il ronzio delle api a farle compagnia. 
Impulsiva come sempre, Agnese non si arrende e riesce ugualmente a riempirsi le giornate con tutto ciò che non dovrebbe fare… fino a che dalle pagine di un libro non spunta un piccolo dono prezioso: una bustina di semi di Impatiens, la pianta i cui fiori rosa hanno il potere di curare le ferite dell'anima e insegnare l'ascolto e l'armonia.


"Mi prometti che non la perderemo, la capacità di stupirci a vicenda? E quella di toglierci tutto ciò che c’è di troppo, maschere e vestiti, e ascoltare il nostro respiro nel buio?"

Virginia Bramati è stata una bella scoperta del 2017 e, avendo amato il suo primo romanzo, non vedevo l'ora di leggere questo nuovo romanzo, fresco di stampa e le mie aspettative non sono state deluse. Sono arrivata a leggere le ultime pagine con i brividi e le lacrime agli occhi per quanto belle fossero le parole che stavo leggendo e per quanto toccante e vero fosse l'amore che i protagonisti ci trasmettono durante la lettura. 

Agnese è una diciottenne impaziente e piena di energie che, a seguito di un evento doloroso, si trasferisce a Terzi, un piccolo paesino a 30 minuti da Verate (ambientazioni dell'altro romanzo che ho citato), dove cambierà radicalmente non solo punto di vista ma anche il suo atteggiamento nei confronti del mondo che la circonda. Accompagnata da Ade (Adelchi), il suo inseparabile "amico", Agnese scoprirà la magia delle campagne Lombarde, dalle quali non vorrà più separarsi. E saranno proprio queste campagne a regalarle la sua storia d'amore, una storia fatta di sguardi, cose non dette, una storia che nasce al buio della malmostosa e che nell'ombra diverrà sempre più grande e incontenibile. 

Grazie a Giunti per la copia, all'autrice per la bellissima storia
e a Sara per l'occasione di partecipare al BT! <3

Il romanzo si svolge in un alternarsi tra Estate e Inverno/Primavere per raccontarci l'intera storia, sin dalle origini e poi arrivare ad otto anni dopo, quando il tutto si è già svolto e i nostri protagonisti stanno per iniziare la più bella e dura delle avventure. 
Il modo in cui l'autrice ha sviluppato le varie vicende ci permette di incrociare gli eventi e capire al meglio le dinamiche delle vicende che si svolgono, sopratutto visto che le vicende iniziano molto prima dell'arrivo di Marco Aleardi a Terzi. 

Agnese è una protagonista magnifica e, proprio come Sassi (Annalisa = che mi piace anche perchè si chiama come me... u.u), mi è piaciuta moltissimo per i suoi ideali, per il suo carattere deciso e per il suo non arrendersi mai davanti alle difficoltà che la vita le ha posto dinanzi. Agnese è una ragazza che ho ammirato moltissimo e che è un modello per tutte le ragazze (soprattutto per la sottoscritta). 

Lo stile dell'autrice è un altro punto a favore di questo romanzo, scorrevole, piacevole e davvero perfetto per la storia. Insomma, questo romanzo è magnifico in tutte le sue parti e io mi sento vivamente di consigliarvelo perchè Agnese vi farà ridere, piangere e intenerire e vi farà anche capire il valore delle cose che vi circondano. 

Cosa ne pensare? Lo avete letto?
Al prossimo post,
Nali <3

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono il motore del Blog,grazie ad essi noi cresciamo. Lascia un commento e mi renderai felice!